Quando la maschera diventa Anthropos

Cercheremo di capire quando una maschera diventa Anthropos analizzando il processo storico, antropologico e archetipico

Un nuovo Anthropos

Oggi ci poniamo un quesito quando la maschera diventa Anthropos? (uomo) per rispondere interpelleremo lo scrittore italiano Tommaso Garzoni il quale nel 1585 introdusse il concetto di “Angelo Nero” ovvero il mascherato per antonomasia, in definitiva, il diavolo. Lo scrittore considera questa figura archetipica come il creatore dell’ipocriti termine che deriva dalla parola ebraica ipocrites (tzevu) ovvero attore.

La maschera non ha alcun significato intrinseco, tutto dipende da come si usa. Nella cultura Indo-europea la maschera viene identificata con il nero (fuliggine), nella cultura Occitanica la parola maschera deriva dal termine masca che tradotto significa strega figura a cui viene attribuito il ruolo di spaventare i bambini , nella versione maschile si traduce con la figura dell’uomo nero. In fine abbiamo la cultura latina che considera la maschera come un calco funebre, cioè, come una presenza dell’assenza.

Le maschera di Pulcinella

Le prime maschere

Dopo aver creato una memoria storica del termine e del significato di maschera non possiamo non presentare la maschera d’ Arlecchino considerata la prima maschera della commedia dell’arte. Questa maschera rappresenta l’identità italiana e il teatro artigianale.

In fine potremmo dichiarare che Eduardo De Filippo è stato uno dei migliori interpreti ad usare una maschera; in specifico parliamo della Maschera di Pulcinella. Essa non rappresenta solo un teatro artigianale ma racchiude in se molti concetti metaforici. Questo personaggio rappresenta sia la morte che la vita, sia una figura maschile che una figura femminile, intelligenza ma anche stupidità.

Ci troviamo davanti ad una figura doppia, una figura che fa emergere una terza persona identificabile come “la non persona”. Dunque possiamo liberamente affermare che la maschera è l’espressione dell’es che consiste nell’unione di due personalità : una reale e una fittizia cosi da crearne una terza. Questa terza personalità la si può considerare a tutti gli effetti un Anthropos nuovo ma soprattutto separato dall’uomo senza maschere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.